“EL GRAN FESTIVAL ACQUATICO”

Quando il Rio Itaya ha raggiunto il suo livello massimo di piena, abbiamo organizzato per i ragazzi e le ragazze di Belén il “Gran Festival Acquatico”, ovvero tre giorni di attività nel loro quartiere, per celebrare l’acqua come elemento onnipresente ed i progressi fatti durante i corsi di nuoto.

Le attività si prolungarono durante tutto il weekend:

Venerdí sera, al consueto appuntamento coi ragazzi delle superiori, ho insegnato come costruire dei “Salvavidas Flotantes”, ovvero dei braccioli costruiti con materiali di riciclo come le bottiglie di plastica che abbondano nelle acque di Belén. Ne abbiamo costruiti una quarantina, in previsione dell’evento di domenica, dove sono stati invitati tuttii ragazzi del quartiere a partecipare alla gran staffetta.

5

Sabato mattina più di 80 ragazzi hanno partecipato all’attività di pulizia di tre settori di Belén. Armati di guanti, sacchi per la spazzatura e bastoni, abbiamo raccolto quintali di spazzatura che galleggiava nello spazio dove avremo giocato il giorno dopo. Cogliendo l’occasione abbiamo informato le famiglie su come evitare il moltiplicarsi delle zanzare ad Iquitos per prevenire il diffondersi del virus “Zika”.

1b

Domenica mattina, io ed i ragazzi della ong “La Restinga”, abbiamo costruito con materiali di fortuna una piscina di circa 25x10m e profonda 2.5m, utilizzando un enorme tronco galleggiante e delle piccole zattere come bordi della piscina. Ai lati abbiamo legato decine di palloncini lungo due lunghe corde. Tutto era pronto per il pomeriggio.

_DSC9698

Alle tre del pomeriggio iniziarono ad arrivare le prime canoe e nel giro di mezz’ora una cinquantina di ragazzi si stava già bagnando nella piscina, chi con i braccioli e chi senza. Alle quattro è iniziata la staffetta dove si sono sfidate quattro squadre da otto persone l’una, due per ogni angolo della piscina. La staffetta prevedeva due manche con cambio dei partecipanti. La prima la vinsero i gialli e la seconda i rossi.

Il gioco consisteva nel trasportare, nuotando, due bottiglie di plastica legate fra loro e passarle al compagno che a sua volta avrebbe nuotato fino all’angolo seguente e così via, fino a completare due giri del perimetro della piscina. È stato un momento veramente divertente ed emozionante in quanto tutti i ragazzi iniziarono a tifare per la propria squadra incitandosi fra loro. Negli occhi di chi stava aspettando il compagno si leggeva la tensione per l’attesa della staffetta e la concentrazione, visualizzando il momento del tuffo e la nuotata fino all’altra parte. La giornata, iniziata con forti piogge, si è conclusa nel migliore dei modi, con un Sole rosso acceso che ci ha riscaldato ed asciugato dopo la nuotata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...